L’antivirus sullo smartphone è necessario?

L’altra settimana vi abbiamo spiegato perché è necessaria l’installazione di un antivirus sul computer (https://www.protezionecyber.it/296), oggi ci occupiamo dell’altra macrocategoria di dispositivi informatici: gli smartphone.

L’argomento è molto discusso e considerato da alcuni una precauzione addirittura eccessiva. Facciamo un po’ di chiarezza in merito. 

Questi utenti scettici si dividono in due categorie: chi pensa di essere al sicuro dato l’uso che fa dello smartphone, non ritenendo di inserire informazioni sensibili, e chi invece identifica i virus con il computer e dunque non si sente in alcun modo in pericolo.

Per quanto la scelta del livello di sicurezza dei propri dispositivi informatici sia un fatto soggettivo, questi due trend di pensiero sono del tutto errati.

Sono tantissime le informazioni che, volenti o nolenti, inseriamo nei nostri smartphone e, per quanto ci possa sembrare di non avere nulla da nascondere, i nostri dati possono sempre essere usati in maniera malevola dagli hacker. Le identità digitali sono merce molto ambita, il nostro io digitale può essere usato per truffare i terzi. Inoltre sovente le password che utilizziamo per scopi “leggeri” sono le stesse dei nostri account più preziosi. Hackerato un nostro account e scoperta la password il criminale avrà accesso a tutti quei profili in cui abbiamo usato la stessa parola di autenticazione.

È inoltre un dato di fatto, come riporta McAfee, che il numero di malware per smartphone sia cresciuto esponenzialmente negli ultimi anni, più che proporzionalmente rispetto alla diffusione dei device portatili dotati di connessione internet e diverse funzionalità.

malware mcfee

(Fonte: McAfee, Mobile Threat Report Q1, 2018. P.7)

 

Dispositivi Android

Il software Android, quello largamente più diffuso sui dispositivi mobili, è di gran lunga il più bersagliato dai malware.

Se l’utente si limita solo ad usare applicazioni di messaggistica istantanea quali WhatsApp e Telegram, ed effettua download solo ed esclusivamente tramite Google Play Store, allora dovrebbe poter dormire sonni tranquilli. Una prima precauzione dunque per evitare brutti scherzi, infatti, è proprio quella di affidarsi alle fonti ufficiali per scaricare applicazioni e/o contenuti.

Al contrario, invece, se l’utente è solito scaricare applicazioni o altro da fonti non ufficiali l’installazione di un antivirus è assolutamente necessaria.

Il motivo è molto semplice: scaricando file di dubbia provenienza è più probabile che questi siano infetti in quanto la fonte non è stata sottoposta ai controlli, come invece accade per applicazioni presenti sullo store ufficiale.

Un altro rischio è rappresentato dai file APK scaricati da fonti non accertate.

Il download di file .apk è un’operazione che facciamo sovente senza neanche rendercene conto. Si tratta dei pacchetti da cui estrarre l’applicazione. Se l’app viene scaricata da fonti ufficiali non c’è alcun bisogno di fare l’estrazione in quanto viene installata direttamente sul dispositivo.

Per quanto riguarda gli antivirus più efficaci per il sistema Android, troviamo: Avast, AVG e Cheetah Security Master. Un punto che va a favore di quest’ultimo è la generazione di password usa e getta, elemento molto comodo per una sicurezza rapida e indolore.

 

Dispositivi iOS

La situazione invece è leggermente diversa per gli utenti che possiedono un iPhone e quindi utilizzano iOS come sistema operativo. A differenza degli smartphone di cui abbiamo parlato nelle righe precedenti, sui dispositivi iOS non possono essere scaricate applicazioni da fonti diverse dall’Apple Store e questo è già un primo e importante passo verso la riduzione del rischio di attacchi. Inoltre tutte le applicazioni vengono costantemente sottoposte a controlli e quindi sono prive di virus.

Come per gli Android, anche in questo caso tutto dipende dall’utilizzo che si fa del dispositivo mobile. È possibile, infatti, che un utente decida di apportare delle modifiche al sistema operativo, rimuovendo le restrizioni software messe in atto da Apple e installando applicazioni da fonti non accertate.

In questo caso è dunque necessaria l’installazione di un antivirus. I primi tre antivirus migliori per il sistema operativo iOS, scaricabili gratuitamente dallo store ufficiale, sono: Avast SecureLine, Avira Mobile Security e Trend Micro Mobile Security.

In conclusione vi consigliamo di effettuare sempre il download da fonti ufficiali oppure di installare un antivirus se si vuole operare per altre vie.

 

Dispositivi Windows Phone

Davvero esiste ancora qualcuno con questi cellulari?